Strada delle 52 Gallerie e M. Pasubio – 12 e 13 settembre

82130635_1533350533478978_399108083634143232_o

La Strada delle 52 Gallerie fu costruita dalla 33ma Compagnia del Genio Minatori e da alcune Centurie di territoriali durante la Prima Guerra Mondiale, per approvvigionare la prima linea dell’esercito italiano che stava combattendo sul Pasubio, restando al riparo dai colpi dell’artiglieria austroungarica. Il tracciato inizia a Bocchetta Campiglia, si sviluppa per oltre 6 km tra gallerie (oltre 2 km), guglie, forre, pareti rocciose, e termina a Porte del Pasubio, a quasi 2000 metri di quota.

Programma del sabato 

Partenza dai vari punti di ritrovi con autobus GT. fino alla località Ponte Verde, dove  verremo trasferiti con bus navetta a Bocchetta Campiglia .Da quel momento inizia l’escursione che imboccheremo la mulattiera che in circa 3h/3.30h ci condurrà al Rif. Papa. Attraverseremo una per una le 52 gallerie, contraddistinte ognuna da una targa numerica che ne indica lo sviluppo. Di particolare interesse la n. 2 e la n. 8 che presentano diramazioni conducenti a postazioni di artiglieria, la n. 19, che con le sue 4spirali che si innalzano nella montagna, costituisce la più lunga galleria ( 320 m ), la n. 20 che gira 3volte su se stessa all’interno di un torrione roccioso, la n 31 alla cui uscita potremo ammirare due imponenti muri di sostegno. Dopo la galleria n. 37 potremo godere del bellissimo panorama dominato dal torrione del Campanile di Fontana d’Oro e in poco tempo raggiungeremo il punto più alto del percorso Cimon del Soglio Rosso a quota 2000 m circa. Percorreremo adesso la parte finale e più suggestiva del percorso, camminando lungo una cengia interamente scavata nella parete strapiombante a picco sulla Val Canale. Con le ultime gallerie giungeremo infine a Porte del Pasubio e quindi al Rifugio Achille Papa dove  pernotteremo.

Programma della domenica

Subito dopo la colazione, ci avvieremo  per la  visita della zona Sacra del Monte Pasubio, Cima Palon 2232 m (sua massima elevazione), spingendoci fino al Dente Italiano 2220m e al Dente Austriaco 2203 m., lungo il “Percorso Tricolore ”Il Monte Pasubio è un massiccio calcareo, che per la sua posizione costituisce l’elemento di giunzione tra le Piccole Dolomiti e la regione dei Tre Altopiani. Esso presenta su molti dei suoi lati fronti rocciosi e scoscesi, guglie, forre e gole selvagge, un ambiente quindi prettamente dolomitico. Al contrario la sua sommità è ricoperta di prati, ormai deturpati dai crateri lasciati dalle esplosioni delle granate. La Zona Sacra fu teatro di sanguinosi combattimenti e percorrere le trincee, i camminamenti , le gallerie ed i ricoveri ancora ben conservati sarà come tornare indietro nel tempo, attraverso un viaggio introspettivo, per prendere coscienza delle smisurate  criticità che in quei luoghi si sono consumate. Sulla strada del ritorno ci fermeremo alla Chiesetta di Santa Maria, un luogo suggestivo, ancora molte emozioni ci attendono! Ripresa la marcia visiteremo l’Arco Romano ed  il cimitero di guerra per poi discendere nuovamente al Rifugio Papa. Da qui, in circa due ore di cammino, attraverso la Strada degli Eroi, giungeremo a Pian delle Fugazze dove ci attenderà il pullman. La Strada degli Eroi, il cui nome deriva dal fatto che sulla parete rocciosa sono collocate delle targhe in onore delle 15 medaglie d’oro al Valor Militare che combatterono sul Pasubio durante la prima Guerra Mondiale è lunga 10 km e non presenta particolari difficoltà. La si può percorrere interamente o con l’ausilio di alcune scorciatoie. Arrivati alla Galleria D’Havet potremo ammirare uno scenario mozzafiato della Val Canale, del Rifugio e della Strada delle 52 Gallerie percorsa il giorno precedente.

Iscrizioni

La scadenza delle iscrizioni è fissata per il prossimo 28 febbraio.

L’acconto è di 70,00 €.

I posti complessivamente disponibili sono 54.

Dettagli organizzativi e recapiti

Scarica il volantino.