Ciaspotordellata da San Pellegrino in Alpe al Rifugio Burigone – Domenica 8 marzo 2020

ciaspotordellata 2Sospeso su uno sperone a 1.710 m, San Pellegrino in Alpe è il centro permanente abitato più alto dell’Appennino. Il confine tra Modena e Lucca lo taglia esattamente a metà tanto che i corpi dei Santi Pellegrino e Bianco, che sono conservati nella chiesa del convento, hanno i piedi in Toscana e la testa in Emilia. Attraversato il portico, ai lati del quale si accede al museo e alla chiesa, si accede a un balcone spettacolare: una croce in legno si staglia sull’intera catena delle Apuane. A ben guardare si vede anche un buco nella cresta: è l’arco del Monte Forato, dove la leggenda vuole che il diavolo, una volta finito di girare dopo il mitico ceffone, sia stato scaraventato così forte da bucare la montagna. Da San Pellegrino, una strada sterrata di meno di 3 km conduce al rifugio Burigone, raggiungibile in auto. Il rifugio è una vera scoperta: immerso tra le faggete poco sotto il crinale, aperto su una vista meravigliosa verso la Garfagnana e le Apuane, occupa un antico casolare, uno dei tanti in cui vivevano le famiglie di boscaioli e pastori fino a pochi decenni fa. Dettagli organizzativi. Possibilità di noleggiare le ciaspole nella nostra sezione al costo di 5,00 €. Pranzo al Rifugio Burigone con Tordelli fatti in casa, un secondo, vino, acqua e dolce al costo di 23,00 €. Informazioni, prenotazioni e acconto di 10,00 € entro il 29 febbraio contattando Vito Iula al 347 3164020, o Silvia Serraglini al 331 1184008. Ritrovo e partenza con mezzi propri da Piazza XX Settembre a Fucecchio. Lunghezza: 8 km circa. Dislivello salita totale: circa 310 m. Tempo di percorrenza: circa 2 ore. Difficoltà: E. Escursione adatta a tutti. Scarica la locandina!

Lascia una risposta